SOGNANDO LE SEYCHELLES

1 (546)
Anse Source d’Argent

1 (521) 1 (771) 1 (534) 1 (499)

Le Seychelles sono state meta del nostro viaggio di nozze in abbinata ad un breve soggiorno a Dubai.

Mi sento di consigliare questo viaggio proprio alle coppie in luna di miele se vogliono trascorrere un paio di settimane in un paradiso terrestre, che offre però anche qualcosa in più rispetto al solo meraviglioso mare, perché alle Sey ci sono usi e costumi locali particolari, le isole sono abbastanza grandi da essere visitate (non si tratta di atolli maldiviani per intenderci) e sono ricche di meravigliosa vegetazione, flora e fauna unica.

I prezzi sono proibitivi, salvo soggiorniate nelle posade gestite da gente autoctona, i resort invece sono carissimi ma fanno degli sconti pazzeschi in caso di viaggio di nozze, la sposa solitamente paga la metà :)

Qualche aspetto negativo da tenere in considerazione, alle Seychelles PIOVE, piove tantissimo, per cui va scelto bene il periodo, il migliore va da Marzo a Maggio, non ascoltate quelli che vi dicono in agenzia di viaggio, per il resto siete sempre a rischio … personalmente noi siamo andati a metà Settembre e siamo stati mooolto fortunati, su 14 giorni, 2 giorni di pioggia continua e incessante, 3 variabile, il resto miracolosamente caldo e assolato … ma chi ha soggiornato prima di noi ha trovato davvero tempo brutto, siamo arrivati sull’isola di La digue e nel villaggio alla reception c’era la fila che si lamentava e chiedeva il rimborso della vacanza, quindi … OCCHIO!

Seconda cosa, alle Seychelles ci sono le alghe in determinati periodi dell’anno (specialmente sull’isola di Praslin), in realtà il fenomeno è limitato ad alcune zone… ed è una cosa da tenere bene in considerazione, non me ne vogliano i titolari dei villaggi lungo la Cote d’Or, la spiaggia più lunga di Pralin, ma è proprio da quella parte che le alghe si concentrano maggiormente.

Le alghe non sono di per sé un male, fanno parte dell’ecosistema marino e meno male che ci sono! Ma oltre al brutto vedere attirano mosquitos a go go e cattivo odore, meglio quindi limitare al minimo il rischio di incontrarle.

Terzo, alle Seychelles pagate anche l’aria che respirate… siamo arrivati a sborsare la modica cifra di 60 euro per un tranquillo pranzetto in spiaggia! Qualche pasto fuori siete costretti a farlo per forza, perché nella maggior parte dei villaggi fanno la mezza pensione a cena e per il resto vi dovrete arrangiare. Ma si sa è il prezzo da pagare per essere in paradiso! Se volete fare economia andate da un’altra parte …

Esclusi questi trascurabili aspetti, quest’arcipelago di isole è fantastico, ve ne innamorerete, sarà tutto come vi sareste aspettatI: spiagge da sogno con acque turchesi e sabbia bianca, paesaggi da cartolina con le palme e le caratteristiche rocce di granito modellate dal vento, per le quali le Sey sono famose.

Alle Seychelles, oltre ad una varietà incredibile di variopinti uccelli, si trova la seconda colonia di tartarughe giganti più grande al mondo dopo le Galapagos, in particolare sull’isola di La Digue ne incontrerete ovunque!

L’arcipelago è costituito da 115 isole ma le principali sono Mahe, Praslin e La Digue, su queste tre si trovano le spiagge più celebri e la maggior parte degli alloggi turistici. Molto esclusive le più piccole Saint Anne, Bird Island e North Island (un unico resort iper lussuoso meta del viaggio di nozze di William e Kate, habituè anche Davide e Viktoria Beckam)

LA DIGUE

L’isola più piccola ma anche la più bella e caratteristica delle Seychelles, con i suoi imponenti massi di granito levigati dal vento, la vegetazione lussureggiante, le tartarughe giganti.

Il modo migliore per girare sull’isoletta è noleggiare una bici, in una giornata riuscite a vederne tranquillamente ogni angolo, è davvero piccolina, uno sperone di roccia in mezzo all’oceano indiano.

Ci sono pochi resort di livello, noi abbiamo soggiornato al La Digue Island Lodge, villaggio storico tra i più vecchi dell’isola… e onestamente, nonostante si trattasse di un alloggio a 5 stelle da 400 euro a notte a cranio, la struttura lasciava parecchio a desiderare; molto bello il giardino e buona la cucina, con possibilità di mangiare a piedi nudi sulla sabbia, salvo solo quello.

ANSE SOURCE D’ARGENT

Eletta dai più la spiaggia più bella del mondo, merita di certo quest’appellativo per la particolarità del paesaggio in cui è incastonata e per lo splendido mare, dai fondali bassi con estesa barriera corallina.

Di per sé la spiaggia non è molto grande, si tratta di una serie di calette di sabbia bianca e fine intervallate da enormi massi granitici; alle sue spalle una fitta vegetazione costituita da palme e piante tropicali.

L’ingresso è a pagamento (100 rupie nel 2012, la moneta locale) perché inserita all’interno di un’area protetta dove troverete anche una numerosa colonia di tartarughe giganti.

GRAND ANSE

La spiaggia più grande dell’isola, splendida, ci siamo arrivati in un giorno nuvoloso durante una delle nostre escursioni in bicicletta. Vale davvero la pena di vederla, peccato solo sia molto pericoloso fare il bagno a causa delle fortissime correnti, nella zona c’è addirittura il divieto di balneazione, anche se qualche temerario (o incosciente!) si addentra nelle acque burrascose.

Percorrendo un sentiero vicino si raggiunge la minore PETIT ANSE, che poi tanto piccola non è, e dove le acque sono un po’ più tranquille.

PRASLIN

E’ l’isola di mezzo, più grande di La Digue, meno di Mahè, sulla quale abbiamo trascorso una settimana di pace assoluta in un resort isolato dal resto dell’isola.

NEW EMERALD COVE

La nostra esperienza al new Emerald Cove è stata abbastanza positiva.

Si tratta del resort più discusso dell’isola, ne l senso che su tripadvisor c’è di tutto chi lo odia e chi lo ama … noi lo abbiamo scelto proprio perché volevamo rimanere isolati dal resto del mondo, il villaggio infatti è raggiungibile solo via mare dal piccolo porto di Praslin.

Gli aspetti positivi.

La spiaggia è bella, non troppo grande (nel pomeriggio si riduce molto causa maree) con un mare incantevole, trasparentissimo e ricco di pesci con un bel reef a pochi metri per chi ama lo snorkeling (ci sono anche le tartarughe marine!).

Il villaggio è immerso in uno splendido giardino di palme, curato e pulitissimo tanto bello da sembrare finto, alcune tartarughe giganti vi passeggiano tranquillamente , il contesto è davvero piacevole.

Aspetti negativi

I bungalow sono belli da fuori, meno all’interno, decisamente da ristrutturare, abituatevi alla costante presenza di jechi ed animaletti vari in camera dato che ci sono fessure da tutte le parti.

Di per sé questo non è un problema fondamentale ma tenuto conto del prezzo impegnativo, da questa struttura ci si aspettava un livello decisamente più alto.

Anche la ristorazione l’ho trovata un po’ ripetitiva (avevamo la mezza pensione), con un buffet serale non troppo vario.

Prezzi delle gite fuori di testa, in una settimana siamo usciti dal villaggio solo per visitare Anse Lazio in giornata, che decisamente meritava!

Tutto sommato mi sento di consigliare questo villaggio a chi ama la natura, a chi vuole un po’ d’isolamento per dedicarsi al relax e al menagè di coppia e a chi non ha eccessive pretese a livello di servizi, considerando che il livello medio dell’isola non è mai conforme a ciò che si paga.

1 (804)
New Emerald Cove

ANSE LAZIO

In assoluto la spiaggia più bella di Praslin, acque turchesi , sabbia soffice candida, molto vasta e non risente delle maree quindi sempre perfettamente balneabile.

Nel 2012 purtroppo c’erano appena stati episodi di attacchi mortali ad opera degli squali, notizia che non era più di tanto trapelata per volontà del governo locale preoccupato delle ripercussioni sul turismo; comunque abbiamo fatto il bagno con una rete antisquali, un po’ inquietante … mi risulta che negli ultimi anni non sia più accaduto nulla per cui quando andrete voi potreste essere più fortunati e godervi in tranquillità un bagno nello splendido oceano!

MAHE

Non abbiamo avuto modo di soggiornare a Mahe ma non credo abbia nulla da invidiare alle altre due isole a livello di paesaggi, vegetazione e mare.

Il giorno della nostra partenza siamo riusciti a fare una breve visita a Victoria, la capitale più piccola del mondo (10.000 abitanti), davvero molto carina, un villaggio di pescatori con piccole case colorate, qualche negozio di souvenir, qualche ristorante… se avete occasione piacevole fare due passi ma nulla di significativo.

 

Lascia una risposta

*